Non sei registrato ?
Effettua il Login

MOSTRA FOTOGRAFICA “CELEBRATE YOURSELF” AL MAU

Cartolina Mostra_web

Celebrate Yourself è un progetto fotografico che ha l’obiettivo di raccontare il mondo e la comunità lgbt. Sono state fotografate e intervistate 35 persone con l’intento di scoprire gli hobby, le passioni, il lavoro, principi e valori, andando oltre le etichette gay, lesbica, bisessuale, transessuale. Sono le storie di singoli, coppie e famiglie omogenitoriali con figli avuti da una inseminazione artificiale o da precedenti relazioni. Tra loro vi sono esponenti politici, dejeey, avvocati, poliziotti, giovani, studenti, attivisti, scrittori che hanno fatto coming out, raccontando la loro esperienza, contributo e vissuto.

Per realizzare le interviste e trovare persone disponibili a partecipare, la fotografa si è appoggiata ad alcune associazioni lgbt+ torinesi:  Arcigay “Ottavio Mai”, Circolo Maurice glbt e Sunderam Identità Transgender. Le persone hanno aderito e dato la loro disponibilità, “mettendoci la faccia”, raccontando la loro storia: gioie, dolori, difficoltà, coming out con i genitori e amici, aneddoti simpatici e divertenti che hanno caratterizzato le interviste e gli incontri che l’autrice ha fatto singolarmente con ogni persona.

Mimmo e Alberto

Il mio obiettivo era raccontare la comunità lgbt+ andando oltre le etichette” spiega Alice Arduino. “Volevo che uscisse fuori la storia delle persone fotografate, i loro hobby, passioni, quello che fanno nel tempo libero, cosa leggono, guardano in tv, al cinema e che musica ascoltano. Chi legge le interviste deve trovare dei punti in comune con loro, familiarizzare, sorridere, commentare perché le cose che ci accumunano e uniscono sono molteplici. Il fatto che poi siano gay, lesbiche, bisessuali e transessuali è una cosa in più, una “etichetta” che gli altri ti attaccano e che non deve influire sul giudizio delle persone”.  Se viviamo in una società dove i soggetti vengono spesso etichettati, con questa mostra si cerca di ribaltare questo principio, partendo dalla comprensione e uguaglianza attraverso ciò che si ha in comune con loro. E allora, Michela prima di tutto è una cuoca e pasticcera, Luigi uno studente di giurisprudenza impegnato con i migranti, Mimmo e Alberto sono rispettivamente uno stilista e un impiegato che amano la musica rock anni ’70 e ’80. L’attenzione si sposta su chi sono, cosa fanno, quali sono i loro pensieri, lasciando in secondo piano i loro gusti sessuali che caratterizzano la loro vita.

Andrea

Fare coming out  vuol dire “uscire allo scoperto”, dire al mondo cosa e chi ti piace non è così scontato per una persona omosessuale. Diventa pertanto un “atto di coraggio” un percorso di accettazione di sé stessi molto lungo e complesso. Quando avviene, si è pronti a dirlo agli altri, ci si mette letteralmente “in gioco”, affrontando il giudizio del mondo esterno, pur sapendo che le razioni potrebbero compromettersi.“Viviamo in un mondo dove l’eterosessualità è considerata la normalità e chi non appartiene a questa “categoria” spesso subisce un giudizio negativo. Se la relazione con gli amici è più facile, più complicata può diventare quella con i parenti o sul posto di lavoro. Qui possono nascere le discriminazioni più forti, l’indifferenza e l’allontanamento, portando molta sofferenza in chi la subisce […] . Non è una cosa così scontata e questa mostra lo dimostra. Molti mi hanno detto che non volevano essere fotografate perché i genitori non lo sapevano o perché avrebbero avuto problemi sul lavoro. Altri non erano sicuri perché ancora incerti. Non ho trovato nessuna famiglia arcobaleno disposta a farsi fare una foto, probabilmente per tutelare i figli/e. Questo dimostra che c’è ancora molto lavoro da fare non solo da parte delle associazioni lgbt+ e dei singoli ma anche delle istituzioni che hanno il dovere di promuovere progetti di sensibilizzazione e diffondere iniziative di rispetto e uguaglianza” dice Alice Arduino.

Alice

La mostra sarà esposta per tutto il mese di Maggio. Il 17 del mese è la Giornata Internazionale Contro l’Omo-Transfobia e per questo, presso la Galleria, si terranno alcuni dibattiti su tematiche importanti e poco trattate come la lesbofobia, la bifobia e la transfobia. Gli incontri saranno tenuti dalle Associazioni glbt+ Arcigay Torino, Circolo Maurice e Sunderam Identità Transgender.

 

PROGRAMMA: 

VENERDÌ 4 MAGGIO ORE (18.00-21.30) : INAUGURAZIONE

VENERDI 18 – ORE 18.00

TRANSFOBIA: QUANDO IL GENERE METTE IN CRISI IL SISTEMA ETERO PATRIARCALE.

A cura di Sunderam Identità Transgender Torino Onlus.  Sarà presente la presidente Sandeh Veet

 SABATO 19 ORE 17.30

BIFOBIA: LA PAURA VERSO LE PERSONE BISESSUALI.

A cura di Arcigay Torino “Ottavio Mai”. Sarà presente il Vicepresidente Riccardo Zucaro

 SABATO 19 ORE 19.00

LESBOFOBIA: QUANDO LA VIOLENZA OMOFOBA È RIVOLTA ALLE DONNE.

A cura del Circolo Maurice Glbtq. Sarà presente Roberta Padovano, attivista e femminista dell’Associazione

SABATO 2 GIUGNO: FINISSAGE – ORE 17.30

Interviste con alcuni protagonisti del progetto Celebrate Yourself che racconteranno le loro storie:

  • Michele Potè: il cambiamento anagrafico e le unioni civili in Italia
  • Lillo: ex monaco in fuga dalla gaya ipocrisia della Chiesa Cattolica
  • Gabriele: Il poliziotto di “Polis Aperta” contro l’omofobia
  • Andrea: attivista perseguitato dai nazisti ungheresi
  • Silvia e Edward: il percorso di transizione MtF e FtM.

 

Quando: 4 maggio al 4 giugno 2018

Dove: MAU – MUSEO DI ARTE URBANA – Via Rocciamelone 7/c

Orari: Lunedì dalle 17 alle 19 o su appuntamento.
Info prenotazioni: info@museoarteurbana.it

Cell: 335.63.98351

Sito fotografa: www.alicearduino.com

INFO EVENTO FACEBOOKhttps://www.facebook.com/events/602030866862648/


Ti piace questo evento?
Fallo conoscere ai tuoi amici, usa i tasti qui sotto!

Scrivi un commento

comments.php
loop-single-eventi.php
single-eventi.php
 
chiudi Solo gli utenti registrati possono votare per i Profili.
Effettua il login per votare i tuoi Profili preferiti.