Non sei registrato ?
Effettua il Login
Elettrauto Autoriparazioni S. RITA
1106

Dove siamo

Elettrauto Autoriparazioni S. RITA

via G. Vernazza 3/g
Torino (Torino)
Cercaci on-line:

Altre informazioni
Riferimento:
Claudio & Roberto
Presente dal: 02/11/2009
Voti: Loading
9

Elettrauto Autoriparazioni S. RITA

Elettrauto Autoriparazioni S. RITA

Elettrauto Autoriparazioni S. RITA
Manutenzione programmata
Tagliandi
Cambio olio e filtri
Freni frizioni e marmitte
Ricarica climatizzatori
Bollino blu e diagnosi computerizzata

IMPIANTI GAS EMMEGAS

Telefonandoci forniamo anche servizio su appuntamento e inoltre tramite mail,fornendoci i dati della vs.auto (Marca e modello ,anno di immatricolazione n.ro di telaio,cilindrata e tipo motore) vi invieremo preventivo sempre via mail della riparazione che vi necessita indicando sia il costo che il tempo previsto per la stessa,naturalmente senza nessun ‘impegno da parte vostra.

Siamo aperti dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 19.00
sabato dalle 9.00 alle 12.30

Ci trovi a Torino in via G. Vernazza 3/g
Telefono 011 352065
News1
Facciamo un po di chiarezza in merito ai tagliandi.
Nell’ormai lontano 2002 la comunità europea emanava un decreto, il1400/2002 poi recepito e reso attuativo in italia dal 2004.
In cosa consiste questo decreto?
Semplicemente rende possibile agli autoriparatori indipendenti di eseguire i tagliandi di manutenzione sulla vostra auto nuova senza che la garanzia decada a patto che l,autoriparatore osservi alcune regole e cioè utilizzare ricambi originali o equivalenti (certificati) , seguire il programma di manutenzione del costruttore e dettagliare nella ricevuta sia i ricambi (descrizione e marca) che la mano d’opera (ore) , tipo dell’auto , tipo del motore ,km,solo alla fine di tutto ciò timbrare il libertto dei tagliandi.
Come avrete capito questa normativa libera l’automobilista dal monopolio della rete assistenziale del costruttore ma attenzione scegliete con cura il vs. autoriparatore.
News2
IL FILTRO ANTIPARTICOLATO PARTE 1.
Il filtro antiparticolato propio per sua definizione è un filtro che intrappola al suo interno le particelle più grossolane generate dalla non completa combustione del gasolio nei motori diesel.
Peccato che come tutti i filtri si ostruisca più o meno rapidamente a seconda dell’utilizzo dell’auto,a questo punto inizia un processo di autorigenerazione che è gestito dall’elettronica del sistema di iniezione e consiste nell’utilizzare questo filtro come un bruciatore e quindi teoricamente,eliminare l’accumulo di particolato.
E quì casca l’asino,perchè sebbene l’intento sia quello di eliminare il particolato,in realtà ne si riducono le dimensioni che anche se le normative non ne prevedano la misurazione,non vuole dire che non esistano.
News3
IL FILTRO ANTIPARTICOLATO PARTE 2
Come vi avevo accennato nella prima parte ,il filtro antiparticolato trattiene al suo interno le particelle non combuste più grossolane per poi quando si ostruisce essere utilizzato come una sorta di bruciatore per potersene liberare.
Questo processo ,oltre a essere segnalato da una spia del cruscotto come avviene?
Udite,udite,semplicemente aggiungendo delle iniezioni supplementari di carburante per innalzare la temperatura del fitro e quindi far bruciare le particelle accumulatevisi..
Peccato che questa procedura una volta iniziata vada protratta fino al suo completamento e ciò vuol dire che più o meno frequentemente dovrete farvi un bel giro in autostrada di circa 15/20 minuti : consumare di più per inquinare di meno???
Ciliegina sulla torta è che ciò che esce dallo scarico non è acqua fresca bensì polveri ancora più ”sottili”e di conseguenza più nocive , ma non preoccupatevi ,tanto le state portando lontano da casa vostra e a casa di un’altro.

loop-profilo.php
« Visita il Brand:
Visita il Brand: »
single-profili.php
 
chiudi Solo gli utenti registrati possono votare per i Profili.
Effettua il login per votare i tuoi Profili preferiti.