Non sei registrato ?
Effettua il Login
header-offpost

Università, niente tasse per chi ha reddito basso e per gli studenti regolarmente in corso. Ecco i dettagli

Da quest’anno, grazie alle novità della Legge di bilancio, studiare alle università statali costerà di meno. Per i nuovi iscritti, infatti, che hanno un reddito Isee fino a 13mila euro, l’iscrizione sarà gratuita, ad  esclusione dell’imposta regionale e del bollo (rispettivamente di 140 e 16 euro). Esenzione che continuerà anche per il secondo  anno  a patto che lo studente sia regolarmente in corso (o sia al primo anno fuori corso) e abbia conseguito perlomeno 10 crediti formativi antro il 10 agosto.

Per gli anni successivi invece è necessario che lo studente abbia conseguito almeno 25 crediti nei dodici mesi antecedenti la data del 10 agosto precedente all’iscrizione al nuovo anno accademico. A conti fatti le agevolazioni dovrebbero interessare una platea di circa 600mila famiglie per un risparmio annuo medio tra i 300 e i 500 euro.

Ma c’è di più. Agevolazioni riguarderanno anche gli studenti regolarmente in corso che hanno un reddito superiore ai 13 mila euro ma entro i 30mila: in questo caso gli studenti pagheranno la quota massima pari al 7 per cento della quota di Isee eccedente i 13mila euro.

Infine, si legge,  “si dispone che gli studenti dei corsi di dottorato di ricerca che non sono beneficiari di borsa di studio sono esonerati dal pagamento delle tasse e dei contributi universitari” a prescindere dal reddito.

 


Ti è piaciuto questo "OffPOST"?
Consiglia la lettura ai tuoi amici, usando i tasti qui sotto!

Scrivi un commento

comments.php
loop-single-notizie.php
single-notizie.php
 
chiudi Solo gli utenti registrati possono votare per i Profili.
Effettua il login per votare i tuoi Profili preferiti.