Non sei registrato ?
Effettua il Login

Eugenio Rodondi in concerto al “Diavolo Rosso” di Asti!

Eugenio Rodondi

Presso il “Diavolo Rosso”

Piazza San Martino,4, 14100 Asti
Eugenio Rodondi nasce a Torino nel 1988. Poco più che bambino scopre la canzone d’autore e se ne appassiona, con un’intensità ed un’attenzione per i dettagli che caratterizzano anche i suoi brani. A partire dal 2011 la sua presenza sulla scena cantautorale torinese si fa via via più
nasce a Torino nel 1988. Poco più che bambino scopre la canzone d’autore e se ne appassiona, con un’intensità ed un’attenzione per i dettagli che caratterizzano anche i suoi brani. A partire dal 2011 la sua presenza sulla scena cantautorale torinese si fa via via più significativa. Il 2012 è l’anno del primo album ufficiale di Eugenio: “Labirinto”, registrato con la supervisione di Gigi Giancursi e Cristiano Lo Mele (Perturbazione). L’album esce nelnovembre 2012, confezionato in un digipack illustrato da Irene Bedino, e viene presentato ufficialmente il 9 novembre alle Officine Corsare di Torino. Nel 2013 Eugenio entra in contatto con Phonarchia Dischi, dando vita ad una collaborazione per il suo secondo album,”Ocra”. Si avvale della produzione artistica di Nicola Baronti e vede la luce il 17 febbraio 2015. Etichetta “Phonarchia Dischi”, distribuzione “Audioglobe”, ufficio Stampa “Libellula Press”. Il secondo album segna una svolta nella produzione di Eugenio. Nel 2015, alle sonorità della canzone d’autore si aggiunge l’apporto di una band e la scoperta dei ritmi e dei timbri elettronici e “black”. Ocra viene accolto con entusiasmo dal circuito indipendente italiano e, con più di 40 date in tutta Italia, accresce l’interesse del pubblico per le canzoni di Rodondi. L’inizio del 2016 porta con sé l’incontro con la casa di produzione “Dewrec”, le Finali del “Premio de Andrè”, e il ritorno in studio per nuove registrazioni.
Il 26 ottobre 2017, per Phonarchia Dischi, esce “D’un tratto”, il terzo lavoro in studio, che viene presentato al Jazz Club di Torino e proposto live nei principali club italiani con la tournèe #Tuseguimichiomiperdo, prodotta da Dewrec con il sostegno di Amaròt e promossa da Sollevante Press.
DIAVOLO ROSSO di Asti è una associazione senza scopo di lucro che offre spettacolo, arti e cultura stando sul mercato e destinando gli utili a nuove attività e a progetti di solidarietà locali e internazionali. Nel fare ciò utilizza le competenze dei soci. Il sostegno della solidarietà è anche linea guida di tutta l’attività.
DIAVOLO ROSSO era il nome di battaglia del celebre ciclista astigiano Giovanni Gerbi (1885-1954).Gli obiettivi principali
Obiettivo principale è creare spazi e modalità, attraverso il lavoro e la progettualità dei soci volontari, in cui si possano confrontare varie esperienze culturali, artistiche e sociali. Eventuali utili derivanti dalle attività intraprese verranno ripartiti un terzo in azioni di solidarietà sociali in Italia e nel mondo, un terzo in attività culturali sul territorio, un terzo investito nell’attività dell’Associazione. (Asti, 29 febbraio 2000)

Storia
Il Diavolo Rosso è nato il 29 febbraio 2000. Finora le principali attività si sono tenute in una chiesa sconsacrata (l’ex chiesa San Michele) del centro storico di Asti, affittata dall’associazione. La chiesa è aperta le sere dal giovedì alla domenica ma spesso le attività si tengono anche in altri orari e giorni della settimana. Sono stati realizzati concerti (soprattutto giovedì e domenica), mostre, spettacoli teatrali, confessioni laiche (con persone famose che parlano della propria vita), incontri letterari, un giornale da bottiglia (un giornale con una forma tale da poter essere appeso al collo di una bottiglia), eventi di raccolta fondi, appuntamenti enogastronomici, di degustazione e promozione delle tipicità gastronomiche soprattutto di Monferrato e Langhe.

Risultati: azioni e interazioni
Attività culturali e artistiche; Promozione delle tipicità enogastronomiche del territorio; Integrazione sociale; Animazione di quartiere; Sostegno ad altre organizzazioni di volontariato; Sostegno ai giovani artisti; Mappamento di Asti su scala nazionale; Turisti, soci sostenitori e pubblico proveniente da altre aree territoriali; Impiego; Modalità innovative di sostegno alla cultura

Come ci sosteniamo
1. Volontariato manageriale. Le competenze (strategiche, organizzative, amministrative, contabili, gestionali, di comunicazione, artistiche) dei 35 soci fondatori sono messe gratuitamente a disposizione del progetto nell¹ideazione, pianificazione e realizzazione delle attività.
2. La buona causa. Il progetto di un circolo virtuoso che sostiene cultura e solidarietà, ³la buona causa², diventa risorsa economica abbattendo costi motivando interlocutori e volontari non fondatori (camerieri, barman, cassiere, altri aiuti a vario titolo nella sala e non), soci sostenitori tesserati, artisti, collaboratori, aziende private, pubblico e consumatori.
3. La sala Polivalente: uno spazio che sopravvive. L’ex chiesa San Michele è stata trasformata in una sala in cui gli incassi da servizi di bar e ristorazione, tenuto conto che parte del lavoro nel locale è svolto da volontari, coprono le spese necessarie alla sopravvivenza della sala (affitto, spese tecniche, pulizia e altre spese) e ridistribuiscono gli eventuali utili.
4. Entrate Bar e ristorazione ­ altri servizi (affitti, servici tecnici) ­ Biglietteria ­ merchandising – Tessere dei soci fondatori e tessere dei soci sostenitori – Donazioni ­ in denaro, beni o servizi – Contributi Pubblici e Privati – Sponsor

Oggi
Dopo anni di esperienza l’associazione sta esaminando strategie di sopravvivenza e sviluppo. Per l’anno in corso l’associazione – relativamente a musica, teatro, degustazioni e incontri – ha pianificato un intenso programma di attività. Parallelamente, con respiro di medio-lungo termine sta portando avanti un programma di valorizzazione e sviluppo del progetto.


Ti piace questo evento?
Fallo conoscere ai tuoi amici, usa i tasti qui sotto!

Scrivi un commento

comments.php
loop-single-eventi.php
single-eventi.php
 
chiudi Solo gli utenti registrati possono votare per i Profili.
Effettua il login per votare i tuoi Profili preferiti.